Lettere al S@ntarellino

Minori maltrattati

 
Alcuni genitori sono troppo bruschi con i loro figli, mettono le mani addosso ai bambini provocando brutti segni sul loro corpo. Non si può far nulla, tranne che chiamare le forze dell’Ordine. I segni sono evidenti se i colpi dati ai bambini sono stati forti e hanno provocato lividi o arrossamenti sul corpo. Ancor oggi esistono questi genitori pericolosi. Ma i segni peggiori sono quelli nell’anima.bambini 1 A volte arriva anche la morte per questi bambini, che soffrono per molto tempo e poi muoiono per le troppe botte. Alcuni di questi casi sono stati risolti ma altri no.
Purtroppo questi genitori, questi individui, hanno subito in passato qualcosa di brutto che poi fa scatenare la loro rabbia sui bambini.

Simona Tosti, classe I A, a.s. 2015/16

 

Ciao, ragazzi! Sono un’alunna di prima. Vorrei dirvi che la nuova scuola mi piace moltissimo! Sto conoscendo nuovi amici e nuove materie bellissime. Oggi vorrei parlarvi della Lingua Francese. La lingua francese è elegante ed appassionante. Grazie ai nostri professori e alla loro pazienza, noi ragazzi possiamo apprenderla e avvicinarci a questa cultura meravigliosa! Invparigiece di stare per ore davanti al cellulare o al computer, i ragazzi secondo me dovrebbero impegnarsi nello studio delle lingue straniere.
Chi ama viaggiare, poi, potrebbe avere la soddisfazione di entrare in una profumeria parigina e di parlare in francese con la commessa, facendosi consigliare da lei sull’ultima eau de parfum della tua maison preferita!

 

Simona Tosti, classe I A, a.s. 2015/16

 

Ciao a tutti!arbitro-teenager 1
Sono un alunno della classe I A. Vorrei parlare della mia idea per rinnovare le attività sportive della scuola. Sarebbe molto bello se un alunno fosse nominato per fare l’arbitro nei tornei fra le classi. Tornei di pallavolo, basket, calcio, sperando che ci saranno! Ma questo è da discutere con i professori.
Io comunque sarei molto felice se questa idea venisse approvata. Voi cosa ne dite?

Andrea Ventura, classe I^A, a.s. 2015/16

 

Ciao a tutti gli alunni!
Sono Simona di 1^ A e vorrei parlare del problema del bullismo.
Il bullismo è un comportamento violento che alcuni ragazzi mettono in atto contro altre persone più deboli per minacciarle o farle soffrire. È molto diffuso nelle scuole medie e superiori.
A volte le forze dell’ordine intervengono, ma solo se le vittime denunciano i cosiddetti bulli.bullismo simona
Nelle scuole si verificano molti episodi di bullismo, con minacce e percosse. In questo caso la vittima deve rivolgersi ai genitori, ai professori o alla polizia. Per sanzionare tali episodi si ricorre a note, sospensioni dalle lezioni, risarcimento dei danni. Spesso però tali misure non fanno altro che peggiorare la situazione. Io credo che ancora peggiore delle violenze fisiche siano le violenze psicologiche.
I ragazzi più deboli o fragili sono le vittime preferite di codesti bulli, che per mostrarsi forti davanti ai loro compagni arrivano a commettere queste soprusi. Ma la loro debolezza e vigliaccheria è evidente! Non affronterebbero mai uno più forte di loro! Ci sono ancora molte altre cose da dire, ma io concludo qui. Per me i bulli sono solo dei poveri stupidi!

Simona Tosti, classe I A, a.s. 2015/16

Annunci